Più Libri, Più Liberi 2016

piulibripiuliberiAnche quest’anno sarò in fiera un giorno intero, precisamente il 7 dicembre, a Più Libri, Più liberi.

Mi troverete allo stand P16, sempre con “Calpurnia, l’ombra di Cesare”, con un monologo che sta per essere messo in scena, un nuovo lavoro che uscirà nel 2017 e la mia solita torta alla ricotta.

Sarò a disposizione per domande, critiche, consigli, curiosità e –  perché no? – dediche per chi vorrà acquistare un regalo di Natale di quelli che non passano mai di moda, come i romanzi storici. Le loro vite hanno superato la prova dei secoli: cosa vuoi che siano i cicli editoriali? 🙂

Un po’ di incontri e un bonus

Epicuro mi rimprovererebbe, perché sono piena di impegni. E avrebbe le sue ragioni, se lo scopo è quello di evitare i turbamenti. Che non vengono, per carità, dall’incontro con i lettori, fonte di gioia e scambio di energia; piuttosto si originano da tutta l’organizzazione che c’è prima. Ma se venite a trovarmi, dimentico subito la fatica, i contrattempi e gli incastri orari!

Sabato 27 marzo h. 16.30 sarò alla Mondadori del Centro Commerciale Auchan di Casalbertone, Roma, a Via Pollio 50 per un firmacopie: possiamo farci due chiacchiere, potete farmi tutte le domande che volete perché sarò lì per voi fino a sera. Se deciderete di comperare il libro per voi o per regalarlo, vi sarà anche autografato.

Sabato 5 marzo alle h. 18.00 sarò nella bellissima cornice di Santa Maria in Cappella a Trastevere, Roma, a presentare il mio romanzo, di nuovo insieme al mio collega Giorgio Franchetti, che presenterà il suo. A dar voce alle mie righe sarà la mia amica, attrice nonché futura collega di penna, Giorgia Staiano.
L’indirizzo preciso è Vicolo di Santa Maria in Cappella, 6.
Questo è il link all’evento.
https://www.facebook.com/events/465526713647772/
Non perdetevelo, perché sarà la mia ultima data a Roma e sono decisa a fare scintille, per amore della parola scritta, della parola poetica, della dignità antica.

Godward, The belvedere, 1913, olio su tela
Godward, The belvedere, 1913, olio su tela

Accademia Res Aulica – Rassegna “Scrittori con gusto”

Sabato 3 ottobre sono stata ospite dell’Accademia Res Aulica per l’inaugurazione del loro anno accademico, durante la rassegna “Scrittori con Gusto”.

Cornice meravigliosa dell’evento è stato l’elegantissima Boutique Hotel Calzavecchio, a Casalecchio di Reno, a due passi da Bologna.
Non avevo mai parlato in pubblico del mio libro.
A oggi non sono ancora riuscita a organizzare una presentazione, per mancanza di librerie disponibili e sicuramente anche per la mia inesperienza. Ho molto da imparare.
IMG_1452Ho rotto il ghiaccio e aperto le danze davanti alla platea eccezionale dei soci dell’Accademia.
Da leggersi con la voce di Forrest Gump: la mamma mi diceva sempre che con le parole posso fermare anche i treni.
Pare che, in un tale frangente, io abbia ritrovato quell’eloquio naturale che anni di precariato e sottoccupazione mi hanno insegnato a lasciar morire sulle labbra. Non perché non ci sia nulla da dire: sono strategie di sopravvivenza alle quali non ti abitui, ma ti adegui.
Ma lì stavamo volando in altri cieli.

Cenerentola ha danzato leggera con le scarpette di cristallo. La scopa poteva attendere.
Il fatto è che ho avuto delle Fate Smemorine eccezionali: uno scrittore e giornalista esperto, anche lui invitato alla rassegna, che con la sua spontaneità e con l’umanità tipica dei signori dell’animo, mi ha aiutata a tuffarmi in quelle acque battesimali; Fiammetta, amica che nei momenti importanti c’è sempre stata ed è venuta a sentire la presentazione; e il mio Francesco, che in questo periodo così delicato, è ancora più presente e premuroso, viziandomi in maniera imperdonabile.

Invitati, oltre alla sottoscritta, Vito Bruschini che ha presentato “I cospiratori del Priorato” e Gian Maria Aliberti Gerbotto con “L’ordine del vero”.

Dopo le presentazioni, tutti ai tavoli, per la cena.
E anche qui tante sono le persone che dovrei ringraziare – in particolare Carla, Francesco, Raniero e consorte – ma in generale ho goduto di una compagnia eccezionale, per cordialità, originalità e gusto per la vita.

Pubblico qualche foto, in bassa definizione, di quelle scattate con i cellulari, mentre io non me ne accorgevo nemmeno. Quelle serie arriveranno via CD, ne farò una galleria.

Ma intanto condividiamo l’emozione, la bellezza e l’importanza del momento.
E anche la classe della cornice, la bontà del cibo e del vino… d’altronde siamo a Bologna, la dotta, la grassa e gaudente Bologna.
Ci piace così, questa città, una dea madre sorridente che ti offre sempre un boccone in più, un sorso in più, un piacere aggiunto.

Ad ogni modo, a livello professionale ce l’ho messa tutta, pare che io sia stata più che all’altezza della situazione. Così almeno mi dicono. Io, che sono ipercritica, posso solo garantire sull’impegno.
Con un inizio così, sicuramente le prossime volte non  avrò il crollo di adrenalina nei giorni a seguire.

Grazie a chi c’era, grazie all’Accademia Res Aulica, grazie a Leone Editore che si è fidato di me ancora una volta, grazie a chi è stato con me virtualmente ma non per questo lo è stato meno.
E da ex operatrice del turismo, grazie al personale dell’hotel: conosco la stanchezza che c’è dietro ai vostri sorrisi. Ma erano splendidi lo stesso.

IMG_1451 IMG_1447