il mio prossimo romanzo storico – sesto indizio e rivelazione

Ed ecco l’ultimo indizio sul mio prossimo romanzo storico, che uscirà tra un mese esatto per Oakmond Publishing, una casa editrice piccola e temeraria di fronte alle sfide della qualità, unione di passione italica e precisione teutonica.
Qui, davvero, getto sul tavolo tutte le mie carte.
Il canto degli italiani, universalmente conosciuto come Inno di Mameli, in questo video è arrangiato con la chitarra classica e sonorità blues. A me piace soprattutto il giro iniziale, lento e appassionato.
Il nostro inno è prima di tutto una poesia intrisa di ideali elevati, di fratellanza umana, di coraggio, di impegno. Un testo prezioso, opera di Goffredo Mameli, un uomo giovane e bello come sono sempre gli eroi. Chissà quanto avrebbe potuto dare, all’Italia, un ragazzo così, se avesse potuto invecchiare.
Devo ammetterlo: non so se Mameli, che era un poeta e un combattente, cantasse o amasse suonare qualche strumento. In compenso Mazzini era più che capace di fare entrambe le cose. Il suo saggio sulla musica l’ho letto mentre cercavo di dormire in un gelido b&b cinese, immobile su un materasso pieno di buchi e bozzi, prima di un firmacopie.  I suoi pensieri, le sue lettere, i suoi articoli mi hanno fatto compagnia per due anni. Ed è per questo che vi aspetto il 2 giugno, sul sito della casa editrice, su Amazon e in libreria su ordinazione tramite grossista, con “Il magnifico perdente”.
Bum.
Questa è follia? Questa è Sparta?
No, signori, questa è l’Italia.

Alla ricerca del tempo… rubato dai social

Negli anni Novanta, ogni estate, partecipavo a quello che noi scout chiamavamo “campo estivo”: dieci o quindici giorni in tenda, in mezzo ai boschi dell’Appennino centrale, immersi nelle nostre grandi avventure. Ricordo quei momenti come i più belli della mia vita e, se tornassi indietro, li rivivrei senza cambiarne una virgola. Sembravano non finire mai. Ma era per via della mia età o per altro? Ricordo perfettamente che ci era consentito chiamare a casa con il telefono a gettoni una volta sola, a metà campo. Nessuno ne ha mai risentito, anzi! Qualche giorno fa ero da mio fratello, a Madrid. Whatsapp trillava continuamente, sia per motivi di lavoro che per semplici chiacchierate tra amici e colleghi, ma non mancavano nemmeno i messaggi di buon-qualcosa sui social, le email e via dicendo. Mi faceva piacere, chiaramente, ricevere un pensiero dagli amici distanti. Ma la mia mente era in troppi posti: lì a Madrid, con mio fratello e mia madre, e in varie parti d’Italia, un po’ impegnata a organizzare il lavoro, un po’ a chiedere di pazientare  a chi desiderava vedermi, un po’ a spiegare come stavo, come andava, dov’ero e via dicendo. La mia “presenza” si divideva e così il mio tempo e la sua intensità. Mentre all’epoca dei campi scout, io ero solo… dov’ero. In quel punto, con quelle persone, in quelle attività. Traiamo le nostre conclusioni…

il prossimo romanzo storico – quinto indizio

Il mio prossimo romanzo storico esce a giugno e nei miei indizi musicali scopro sempre più le carte. Ecco un video delizioso: l’ouverture de La gazza ladra di Rossini, suonata con la chitarra classica. La persona che cercherò di far vivere e respirare tra le mie pagine si era occupata di musica per passione, aveva scritto anche di Rossini, e, come avrete capito da tutti gli indizi precedenti, suonava molto bene la chitarra. Non gli sarebbe dispiaciuto, probabilmente, unirsi a questi due bravissimi musicisti. Avete mai provato ad ascoltare la musica classica suonata con la chitarra? Io la trovo molto affascinante. Se avete capito di chi parliamo, vi starete dicendo: “Ma sei matta?” Come si fa, d’altronde, a scrivere un romanzo ambientato in quell’epoca su una persona che non va a cavallo, non imbraccia il fucile, non ha i capelli al vento e col cavolo che obbedisce? Si può, eccome. Anzi, per me è stata un’avventura salvifica.  Vi sfido a leggere e poi mi farete sapere. E per chi ancora non ha capito? Ne riparliamo a maggio, con l’ultimo indizio prima dell’uscita 😉

Il lato oscuro della condivisione

silenceForse non ci avete mai pensato, ma le “sfide accettate”, i challenge, la condivisione di ogni “battaglia” privata non è una cosa sana. Trasforma in spettacolo ogni fase della vita, che come diceva Svevo a volte duole e non per questo è malattia in sé. E, soprattutto, questa mania inchioda pubblicamente a un singolo momento o periodo chi si espone e lo condivide. Sarete sempre quella sfida, quel momento, quella battaglia vinta o persa. Sarete quelli-che-nel-99 anche nel 2019. Non potrete cambiare città, lavoro, vita, senza essere ridotti a un momento passato. Tutto il mondo diventerà un paese pettegolo che vi ha cucito addosso una definizione, ma a fornire la misura siete stati voi.