odi et amo roma

Istantanee di una città rappezzata, con il suo grande passato alle spalle, qualche punta di orgoglio, troppe figure folcloristiche e un’ironia che le scarnifica per salvarsene.

Boccea, incrocio principale. Un autobus perde olio proprio nel mezzo dell’attraversamento. Si ferma. Arrivano i vigili, transennano. Tutto bloccato. L’autista apre le braccia, si volta verso i passeggeri e fa «Signori, lasciate ogni speranza o voi ch’intrate»

L’imbruttimento è portato della vita cittadina. La sua declinazione dipende dalla città.

la scrittura e l’amore fisico

Me lo fanno notare in molti: i miei libri sono estremamente casti.
Non è una scelta religiosa o morale, visto che da oltre metà della mia vita non credo in nessun dio.
Non è una scelta di pudore: sono sorella maggiore di fratellino, scout, amante dell’arte antica, amica degli uomini, ex cestista in squadra maschile; so fare pure le punture e non solo sulle braccia, vedete un po’ voi se mi scandalizzo facilmente. Semplicemente, non riesco proprio di descrivere l’amore. Quello fisico, intendo. 
Ma poi, c’è bisogno che ve lo descriva io? 
Eppure questa caratteristica, questa mancanza nei miei romanzi pare notarsi.

Siccome non è voluto, il problema me lo sono posta e, l’anno scorso, ho anche provato a risolverlo. Ero a Castel del Monte e ho pensato di far pratica in descrizioni esplicite su una cavia che fosse verbalmente… piacevole da maneggiare e abbastanza morta da non potermi denunciare. Chi meglio del biondo signore del maniero? Ma nulla: ne è nato un racconto filosofico! Che magari un giorno leggerete.

Perché scrivere scene erotiche è difficile e, se non lo si fa bene, con personalità, padronanza del linguaggio e della “regia”, diciamo così, scadere nel ridicolo è facilissimo.
Come lettrice, lo ammetto, più di una volta mi sono profusa in grasse risate.

Così ho deciso: fatevene una ragione. I miei libri sono casti e malinconici. Ammesso che torni a scrivere, non mi cimenterò in scene amorose finché non sarò in grado di farlo come Ismael Serrano in questa strofa:

Estás tan bonita, te invito a un café
La tarde es nuestra, desnúdame
Tras el relámpago te decía
Siempre recogeré flores en tu vientre

(E dai che si capisce!)

Got è morto, viva Got

Emozioni e pensieri sparsi sulla fine di una serie televisiva che ha segnato comunque la storia della serialità. Perché, diciamocelo, negli ultimi anni il cinema si è buttato sui remake, al punto da arrivare a rigirare film “vecchi” di pochi anni, non sempre con risultati apprezzabili. La televisione, con la creazione dei canali dedicati, è diventata invece un luogo di esperimento. Così abbiamo serie con episodi lunghi, legati da una forte trama orizzontale, quasi un film a puntate. E serie ibride: una gragnuolata di episodi, caratterizzati però da budget e ambizione di altissimo livello. Questo è stato il caso Game of Thrones.

This post is dark and full of spoiler (and gif)… se non li temi, clicca su continue reading ->

Il mio grosso, grasso SalTO19

… E in ritardo, aggiungerei! Perché, sì, è passata più di una settimana dal Salone del Libro di Torino 2019 e solo ora tiro le somme. Tempeste familiari e incertezze lavorative rendono impossibile la programmazione della mia vita materia quotidiana, nel senso che navigo a vista, figuriamoci se riesco a pianificare i post.

Se stai leggendo l’anteprima, clicca su continue reading per proseguire la lettura del post. ->