da marzo 2021 – anche su Kobo Costanza Sicanie Regina

Sono ben consapevole del predominio di Amazon sul mercato, ma il bello di mantenere i diritti è la possibilità di sperimentare. E così, a breve, ho deciso di portare Costanza Sicanie Regina anche su Kobo. Trattandosi di un romanzo storico “puro”, senza sfumature né gialle né rosa, il suo pubblico ideale comunque non è quello on-line. Ma nello stesso tempo non è solo quello che legge su abbonamento Unlimited. Proviamo ad avvicinarci a un’altra piccola fetta di lettori, tanto si può sempre tornare indietro.

I libri degli altri – gennaio 2021

Vivo benissimo senza scrivere, non so farlo senza leggere. Per questo, mi riprometto nell’essere più metodica nel raccontare le mie letture, perché di cose belle – quali i libri sono – non si parla mai abbastanza.

Ada o ardore

Ho un debole conclamato per i narratori russi e la prima lettura del 2021 me l’ha confermato una volta di più. Ada o ardore di Nabokov è un libro barocco, psichedelico a tratti, scritto splendidamente, in maniera lussureggiante, apoteosi di dettagli e giochi di parole, tra suoni, sillabe ed evocazioni. Forse il traduttore non sarà stato molto felice, ma per me – lettrice con il culto della parola anche a sé stante – è stato un vero godimento. Un libro ricchissimo, da centellinare. Alice nel paese delle Meraviglie si chiama Ada e vive a Ladore, su Antiterra. Ma di questo ci importa ben poco, perché potrebbe vivere nel nostro mondo ed essere, com’è, un’aristocratica russa di ottima educazione e aspetto intrigante. A tal punto che Van, più-che-cugino, non sa resisterle. Il loro amore carnale e spirituale si dipana lungo tutta una vita, tra drammi, separazioni, compiacimenti intellettuali e laide soddisfazioni. Da gustare.

Giornata autore 2021 – Io leggo il romanzo storico

Lunedì 18 gennaio sul gruppo Facebook “Io leggo il romanzo storico” ci sarà la mia giornata autore. Questo significa che gli iscritti al gruppo potranno pormi domande nel topico apposito. Tra tutti coloro che parteciperanno, verrà estratto a sorte il vincitore di una copia di “Costanza Sicanie Regina. Unico requisito per partecipare è appunto iscriversi al gruppo.
Io vi aspetto… ma anche voi aspettatemi!
Si è ormai diffusa la leggenda che gli impiegati siano in telelavoro da marzo. Io non ci sono mai stata. Ho lavorato sempre in presenza. Per cui siate gentili: se non riesco a rispondere subito alle vostre domande, non vi offendete. Lo farò nei momenti di vuoto, in cui potrò collegarmi. Grazie mille 🙂

terzo posto al premio Amarganta per Costanza Sicanie Regina

Oggi è il 22 novembre 2020, un giorno particolare perché ricorrono gli ottocento anni esatti dal giorno in cui Costanza d’Aragona divenne imperatrice al fianco del suo giovane e sensazionale consorte, Federico II, per mano di papa Onorio III.
Roma probabilmente era limpida e lucente come oggi, caotica e affollata come in questo periodo non è. Mai avrei detto che Roma la “caciara” si addica, ma tant’è: certe cose si apprendono per sottrazione.
Ebbene, proprio oggi il romanzo storico Costanza Sicanie Regina si è classificata terza al premio Amarganta 2020.
Queste le motivazioni:

Accurato ed elegante, il romanzo immerge nelle atmosfere del tredicesimo secolo fagocitando il lettore negli umori e nei colori di un tempo che diviene solo apparentemente lontano. Con estrema lucidità e intelligenza, la protagonista domina le dinamiche dei giochi di potere, naviga tra le asincronie dell’amore e si erge prototipo di modello di donna moderna e lungimirante, resa al meglio da una prosa matura e intrigante che la rende credibile e pulsante al pari di eroine più note e glamour. 

Vi invito a seguire l’associazione Amarganta sulla loro pagina social e sul loro sito, così che possiate scoprire i nomi dei vincitori e dei finalisti: tanti sono i titoli meritevoli!
Cliccate qui per leggerli.

Costanza Sicanie Regina selezionata da Extravergine d’Autore

Quando un autore di romanzi decide di pubblicare un lavoro in maniera indipendente, di solito viene incoraggiato con previsioni del tipo: “La tua carriera è finita… non ti leggerà più nessuno perché nessuno ti ha selezionato.” Posto che spesso queste frasi sono pronunciate da soggetti con una coda di paglia lunga come quelle di Spinaceto nell’ora di punta, Costanza Sicanie Regina sta andando davvero bene. E questo pur non potendo nemmeno sfiorare il suo mercato d’elezione – la libreria – proprio perché gli autori indipendenti sono i nuovi appestati. Quindi, dopo aver smentito la prima tranche della profezia, volevo polverizzare anche la seconda. In realtà, a prescindere dalle “gufate” di soggetti interessati, ci tenevo ad avere una valutazione di esperti, possibilmente spassionata. Così ho iscritto il testo al concorso gratuito Amazon Storyteller2020, ma per arrivare alla valutazione di qualità bisognava prima superare quella di popolarità. Va da sé: non ce l’ho fatta. Il tentativo però è stato utile, perché ho imparato a usare le parole chiave e la leva del prezzo.
Era agosto e mi trovavo nella mia adorata piccola tenda ai piedi del Monte Vettore quando inviai una mail importante. Mandai il romanzo all’associazione culturale Extravergine d’Autore. Si tratta di un gruppo di professionisti, muniti di certi curriculum che mi rendono indegna di infilare l’usb nella presa. Il loro obiettivo è leggere e valutare con cura, sotto il piano formale e sostanziale, libri autopubblicati a loro sottoposti e “certificarne” la qualità.
E da oggi di Costanza Sicanie Regina si parla anche qui.
A breve, sulla copertina apparirà il bollino della selezione Extravergine d’Autore. Ne sono davvero fiera, orgogliosa e contenta. Vi consiglio di dare un’occhiata alla vetrina di Extravergine d’Autore, perché ci sono davvero dei bei titoli, sfiziosi e stimolanti.